Inverno Naturale - Parafarmacia Farmapiù di Luitprandi Loretta

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Inverno Naturale

Consigli e rimedi per affrontare la stagione fredda

AFFRONTIAMO L’INVERNO "NATURALMENTE"



L’inverno è alle porte e come ogni anno il nostro fisico sarà sottoposto a molteplici attacchi di virus di vario genere, per non farci trovare impreparati è molto importante rafforzare il nostro sistema immunitario.
Procuriamoci allora preparati a base di
ECHINACEA, pianta originaria del Nordamerica, il cui utilizzo è particolarmente raccomandato in autunno ed in inverno per affrontare queste stagioni senza preoccupazioni o per qualsiasi tipo di aiuto nel ritorno alla forma. Studi recenti condotti in Germania hanno confermato per questa pianta attività immunostimolante e antinfiammatoria.
Si può utilizzare da sola in compresse o come tintura madre ma spesso è presente in associazione con altre piante, come  l’
ASTRAGALO, o con minerali come Rame e Zinco.
Un'altra pianta con notevoli proprietà immunostimolanti è l'
UNCARIA TOMENTOSA, o unghia di gatto, così chiamata per le spine ad uncino con cui si aggancia agli alberi. E' una pianta che nasce in Sudamerica, utilizzata dai curanderos per curare ferite, ulcere, infiammazioni e  dolori articolari. Se ne possono assumere dai 250 ai 500 mg. al giorno per assicurarsi un benefico effetto di stimolazione delle nostre difese immunitarie.

Anche il SUCCO DI ALOE presenta una buona efficacia come immunostimolante. Un paio di cucchiai al giorno in abbondante acqua lontano dai pasti per cicli di 2 mesi può ridurre la predisposizione ad infezioni di origine batterica o virale, dovuta a deficit del sistema immunitario.
Per avere un riscontro positivo la nostra cura preventiva deve essere iniziata ai primi cambi di stagione, appunto ottobre è il mese ideale, e continuata per tutto il periodo invernale. Visto che non combattiamo il sintomo ma aumentiamo le nostre difese avremo una protezione sia nei confronti di attacchi batterici che virali. Se capiterà di prendersi ugualmente un  raffreddore  o una  influenza  saranno sicuramente più lievi e potremo contrastarli efficacemente utilizzando rimedi naturali
Un altro rimedio con sorprendente azione immunostimolante è la PAPAIA, questo frutto è da sempre utilizzata come digestivo essendo ricco di enzimi che facilitano, appunto, la digestione, negli ultimi anni però si è sentito parlare sempre più spesso di  PAPAIA FERMENTATA . Si ottiene facendo fermentare il frutto fresco a lungo e a basse temperature con lievito. Ciò che si ottiene è un prodotto con spiccate proprietà immunostimolanti e antiossidanti.
Se durante il lungo inverno capiterà di prendere il mal di gola e raffreddore, il primo aiuto ci viene da un grande rimedio della medicina naturale : LA PROPOLI.
E' una resina aromatica prodotta dalle api in primavera utilizzando le gemme di alcuni alberi quali: betulla, pioppo, olmo, salice, quercia, frassino, ippocastano, pino e abete. Ha attività batteriostatica, battericida, antivirale, antimicotica, antinfiammatoria, cicatrizzante e immunostimolante. Numerosi studi hanno dimostrato che la grande maggioranza dei batteri delle prime vie aeree sono sensibili alla propoli. Essa può bloccare l’attività di questi batteri senza ucciderli ma a dosi più alte può anche distruggerli. La propoli può anche essere utilizzata durante le cure antibiotiche. In tal caso essa va presa per almeno 2 settimane per sfruttarne al meglio i vantaggi. Lo scopo di questo abbinamento è soprattutto quello di combattere la riduzione delle difese immunitarie causata dagli antibiotici, che è molto spesso la causa delle recidive
Possiamo anche utilizzare un olio o una pomata balsamica da massaggiare su torace e schiena 2/3 volte al giorno per liberare naso e bronchi e per favorire una rapida ripresa da raffreddore e influenza.

Una abitudine oramai consolidata è quella di associare a tutte le cure che vengono fatte una buona dose di Vitamina C.
ACEROLA e ROSA CANINA e KAMU KAMU sono piante che ne contengono in grande quantità. E' necessario assumere 1 grammo al giorno di Vitamina C per sfruttare le sue proprietà antiossidanti e di potenziamento delle difese naturali.
La Gemmoterapia consiglia di associare poi la ROSA CANINA al RIBES NIGRUM in caso di raffreddore
Da non dimenticare poi il rimedio principale della tosse: la
DROSERA. E' una pianta carnivora che cresce in luoghi umidi e acquitrinosi. Presenta sul fiore e sulle foglie delle goccioline di mucillaggine che sembra acqua e inganna i malcapitati insetti che vogliono bere e finiscono mangiati. Ha attività antitussigena, fluidificante bronchiale, antisettica polmonare e ha azione rilassante sulla muscolatura liscia delle vie respiratorie. Rientra nella composizione di sciroppi ma è presente anche come tintura madre o in granuli a diluizione omeopatica.


Nella stagione invernale la pelle delle mani e del viso tende a seccarsi e a screpolarsi a causa del freddo e degli sbalzi di temperatura. Il problema insorge perchè si trovano lontane dal cuore e quando le temperature sono rigide, arriva meno sangue e di conseguenza meno nutrimento. Tra le altre cause insorge anche l’azione della polvere, quella degli agenti atmosferici inquinanti e dei detersivi

Le mani sono una parte molto importante del nostro corpo, al pari del viso, sono quelle che indicano la nostra età, sono quelle che porgiamo per presentarci, insomma le mani devono essere sempre curate perchè parlano di noi e dicono chi siamo. Per evitare che le mani perdano il loro stato di salute e che la pelle diventi screpolata, arrossata e piena di macchie consigliamo un rimedio naturale a base di
MALVA E ALLANTOINA


Il freddo e il vento non perdonano neppure le vostre labbra. Al primo soffio di vento, le labbra si deteriorano in quanto contengono pochissima acqua e producono solo poco sebo, il lubrificante naturale del corpo. Inoltre alle labbra manca la melanina, un pigmento che protegge la pelle dalle aggressioni dei raggi UV. Per mantenere splendido il vostro sorriso anche in inverno, si devono curare le labbra con burro cacao nutriente ricco di
BURRO DI KARITÈ.
L’albero di karitè cresce nella Savana e il frutto dell’albero racchiude al suo interno un nocciolo legnoso. Tramite la frantumazione dei suoi semi si ottiene  il prezioso BURRO con proprietà cicatrizzanti, emollienti, antismagliature, antirughe, elasticizzanti, idratanti, antiossidanti, lenitive e riepitelizzanti, filmanti e protettive.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu